Riferimenti internazionali

«Orientare significa porre l’individuo nella condizione di prendere coscienze di sé, di progredire per l’adeguamento dei suoi studi e della sua professione rispetto alle mutevoli esigenze della vita con il duplice obiettivo di contribuire al progresso della società e raggiungere il pieno sviluppo della persona»
Raccomandazione conclusiva sul tema dell’orientamento del Comitato di esperti al Congresso internazione UNESCO di Bratislava (1970)

«Ogni persona - bambino, giovane e adulto - dovrà poter beneficiare di opportunità educative progettate per rispondere ai loro fondamentali bisogni di apprendimento. Questi bisogni comprendono sia gli strumenti essenziali di apprendimento (literacy, espressione orale, numeracy e problem solving) sia i contenuti di base (conoscenze, abilità, valori e attitudini) necessari agli esseri umani per poter sopravvivere, sviluppare le loro capacità, vivere e lavorare dignitosamente, partecipare pienamente allo sviluppo, migliorare la qualità della loro vita, prendere decisioni informate e continuare ad apprendere».
Dichiarazione mondiale sull’educazione per tutti: dare risposta ai bisogni fondamentali di apprendimento, Art.1, UNESCO (1990)

«Le competenze per la vita sono abilità funzionali ad un comportamento flessibile e positivo che permettono agli individui di affrontare efficacemente le richieste e le sfide della vita quotidiana.
Descritte in questo modo, le competenze che possono esser chiamate life skill sono innumerevoli e la loro natura e definizione sono probabilmente diverse da una cultura all’altra e da un ambiente all’altro. Tuttavia, un'analisi del campo di tali competenze suggerisce che c’é un nucleo di competenze che sono al centro di iniziative per la promozione della salute e del benessere dei bambini e degli adolescenti.
Queste sono elencate di seguito: capacità di prendere decisioni, capacità di risolvere i problemi, pensiero creativo, pensiero critico, comunicazione efficace, capacità di relazioni interpersonali, autoconsapevolezza, empatia, fronteggiamento delle emozioni, fronteggiamento dello stress.
Competenze per la vita (Life skills education in schools), OMS Organizzazione Mondiale della Sanità - World Health Organization WHO, Ginevra (1993, pubblicato nel 1994)

«L’information literacy sta al centro dell’apprendimento permanente. Essa rende le persone capaci, in tutti i percorsi della loro vita, di cercare, valutare, usare e produrre informazioni in modo efficace per raggiungere i loro obiettivi personali, sociali, occupazionali e formativi. É un fondamentale diritto umano in un mondo digitale e promuove l’inclusione sociale di tutte le nazioni».
Segnali luminosi/guida della società dell’informazione. La Proclamazione sulla Information Literacy and Lifelong Learning di Alessandria, UNESCO (2005)

UNESCO, Dichiarazione di Incheon Per un’educazione di qualità equa e inclusiva e per l’educazione permanente per tutti entro il 2030. Trasformare la vita attraverso l’istruzione, Forum Mondiale dell’Educazione 2015, Incheon, Republic of Korea, 19-22 maggio 2015

 

Consiglio d'Europa Parlamento Unione Europea Consiglio della Unione Europea Commissione UE UE CEDEFOP MIUR Orientamento INDIRE Scuola Lavoro
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Anpal Isfol Inapp CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche AlmaLaurea Almadiploma Almaoriéntati
USR Emilia Romagna Regione Emilia Romagna Agenzia Lavoro ER ASTER Scienza Tecnologia Impresa Istituzione Minguzzi per l'inclusione sociale Aneka Benessere a Scuola